I PRECARI DELLA SCUOLA E L’INCESSANTE LOTTA PER LA STABILIZZAZIONE: ARRIVA IL DECRETO MADIA
Pubblicato in Istruzione

Appena presentato il testo sulla riforma del pubblico impiego, il Governo approva il decreto “Madia”.

La solidarietà intergenerazionale quale strumento di giustizia redistributiva. Commento a Corte costituzionale n. 173 del 2016
Pubblicato in Altri diritti

Il presente articolo, muovendo dall’analisi della sentenza n. 173/2016 della Consulta relativa al prelievo forzoso sulle c.d. pensioni d’oro, intende illustrare

Società in nome collettivo: sospesa la prescrizione per l’azione di responsabilità finchè l’amministratore è in carica
Pubblicato in Altri diritti

La Corte costituzionale ha di recente dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 2941 n. 7 del codice civile “sospensione per rapporti tra le parti”

Sostituzione dell’arresto e dell’ammenda con il lavoro di pubblica utilità nel codice della strada
Pubblicato in Altri diritti

Con la sentenza n. 198 del 2015 la Corte Costituzionale ha dichiarato infondata la questione di costituzionalità 

L'immagine del presente articolo partecipa al progetto di associare il Diritto con l'Arte a cura dell' Avvocato Barbara Pirelli del Foro di Taranto.
Pubblicato in Altri diritti

La Corte Costituzionale ha chiarito, con le note sentenze gemelle n. 348 e 349 del 2008, che nei casi in cui vi sia un contrasto tra una norma convenzionale e una norma interna, il giudice nazionale investito della questione sia tenuto dapprima a verificare la possibilità di dare

L’ART. 18 ED IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI: COME CAMBIA IL MONDO DEL LAVORO CON IL JOBS ACT
Pubblicato in Lavoro

Al centro del dibattito politico degli ultimi mesi impera incontrastato l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, fulcro delle polemiche mosse alla riforma del lavoro varata dal Governo Renzi, il famigerato Jobs Act, ora al vaglio della Camera dei deputati dopo la fiducia ottenuta al Senato. 

Le unioni civili: tra stato dell’arte e “svolta” comunitaria
Pubblicato in Altri diritti

Grande attualità sta rivestendo la tematica, divenuta ormai caldissima oltre che complessa, delle c.d. unioni civili tra persone dello stesso sesso. La questione ha ormai calamitato l’attenzione non solo della collettività sociale ma altresì della comunità scientifica che da un lato è rappresentata dai giudici di merito, attivi in trincea, e dall’altro ha visto l’esposizione, finalmente, dalla giurisprudenza di legittimità.

L’ITALICUM, UN SISTEMA ELETTORALE CON POCHE LUCI E MOLTE OMBRE
Pubblicato in Altri diritti

La discussione sulla riforma della legge elettorale pare passata in secondo piano nelle ultime settimane ma l’approvazione in prima lettura al Senato del progetto di riforma costituzionale, che – tra l’altro – intende superare il bicameralismo paritario che caratterizza il Parlamento italiano[1], consiglia di fare il punto su quella che potrebbe essere la futura legge elettorale.

Il diritto alla vita: primo tra i diritti fondamentali. La parola alla Consigliera della Cassazione Lucia Tria
Pubblicato in Altri diritti

In giornate caratterizzate da un continuo flusso di notizie che raccontano l’apertura di nuovi fronti di guerra alle porte del Mediterraneo, solo da ultimo l’emergenza umanitaria che sta interessando l’Iraq con la strage di migliaia di uomini, donne e bambini in fuga dalle loro case, si pone in termini drammaticamente attuali la grande questione della tutela del diritto alla vita di chi in fuga dalla fame e dalle guerre si affaccia sulle coste di paesi vicini in cerca di riparo e protezione. 

LA (CONTRO) RIFORMA DEL TITOLO V. PRIME OSSERVAZIONI SUL D.D.L. COST. A.S. 1429-A, XVII LEGISLATURA
Pubblicato in Altri diritti

1. Il Governo Renzi ha presentato alle Camere un disegno di legge costituzionale volto a modificare profondamente la Costituzione, cercando altresì di garantirne la rapida approvazione. L’aspetto di tale progetto di riforma costituzionale sul quale si stanno maggiormente confrontando sia le parti politiche sia l’opinione pubblica è quello del superamento del bicameralismo paritario, connesso, peraltro, alla riforma (anch’essa ancora in fieri) della legge elettorale. Tuttavia, la proposta di riforma costituzionale intende intervenire anche sul Titolo V della Parte II della Costituzione, già ampiamente novellato con le leggi costituzionali n. 1 del 1999 e n. 3 del 2001.