Specializzazioni mediche e diritto alla giusta remunerazione
Pubblicato in Altri diritti

La vicenda degli ex specializzandi risale agli anni ’80, quando furono promulgate le direttive europee 75/362/CEE, 75/363/CEE e 82/76/CEE che imponevano agli Stati membri di corrispondere il giusto compenso 

IL CONCORSO ESTERNO IN ASSOCIAZIONE MAFIOSA: IL “SI” DELLA CASSAZIONE SULLA CONFIGURABILITA’ DELL’ISTITUTO
Pubblicato in Altri diritti

BREVE COMMENTO ALLA SENTENZA N. 32996 DEL 12 OTTOBRE 2016.

Il mancato o errato consenso informato produce un danno suscettibile di  autonomo risarcimento
Pubblicato in Altri diritti

Nota a Cassazione civile, 20 maggio 2016, n.10414, sez. III

Cassazione: Il rendiconto sull’impiego delle somme versate per il mantenimento? Non è scritto da nessuna parte ed è superfluo
Pubblicato in Altri diritti

Nota a sentenza Corte di Cassazione, Sezione I, 18 giugno 2015, n.12645. 

MIUR, Università e Cineca: il nuovo modello dell'in house providing passa dai rapporti tra questi 3 soggetti
Pubblicato in Istruzione

1. Significative novità su aspetti essenziali delle caratteristiche del modello in house giungono, da ultimo, dal dato positivo dell’Unione. 

Il principio di conservazione degli atti giuridici con particolare riferimento agli atti amministrativi
Pubblicato in Altri diritti

1. Natura e caratteri del principio di conservazione degli atti giuridici

La necessità di preservare l’efficacia giuridica degli atti compiuti permea di sé gli ordinamenti di ogni tempo e luogo, quale dato implicito di natura logica prima ancora che giuridica[1].

RIFLESSIONI A MARGINE DELLA SENTENZA N. 4628 DEL 6 MARZO 2015:  LA CORTE DI CASSAZIONE A SEZIONI UNITE AMMETTE IL C.D. PRELIMINARE DI PRELIMINARE.
Pubblicato in Altri diritti

Con la recentissima sentenza n. 4628/2015, le Sezioni Unite civili della Cassazione hanno speso parole chiarificatrici in ordine all’annosa questione della validità del c.d. “preliminare di preliminare”. 

Il potere di disporre la decadenza dalle cariche accademiche
Pubblicato in Istruzione

L’art. 2 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 s.m.i. attribuisce al Senato Accademico delle Università il potere di proporre al corpo elettorale con maggioranza di almeno due terzi dei suoi componenti una mozione di sfiducia al rettore non prima che siano trascorsi due anni dall'inizio del suo mandato. 

Ad oggi ben quarantaquattromila studenti si recano all’estero a causa del “numero chiuso”. Ci siamo più volte occupati di questo tema in un nostro editoriale di apertura della rivista con particolare riferimento al caso dell’università albanese convenzionata con l’Ateneo di Tor Vergata.

La negoziazione assistita volontaria in materia di diritti disponibili
Pubblicato in Altri diritti

Tra le forme di negoziazione assistita introdotte dal Governo col D.L. 12 settembre 2014, n°132, pubblicato in G.U. in pari data, un’importanza particolare acquisisce quella prevista in forma volontaria in materia di diritti disponibili.